Imprese: si avvicina la scadenza per la presentazione della "Dichiarazione F-gas"
Emissioni in atmosfera

Imprese: si avvicina la scadenza per la presentazione della “Dichiarazione F-gas”

Imprese: si avvicina la scadenza per la presentazione della "Dichiarazione F-gas"

C'è tempo fino al 31 maggio 2014. Sanzioni pecuniarie da mille a diecimila euro. Ecco come fare la compilazione online da inviare all'Ispra

Entro il 31 maggio 2014 è obbligatorio compilare la “Dichiarazione F-gas” relativa all’anno 2013 per tutte le apparecchiature e sistemi di refrigerazione, pompe di calore e condizionatori contenenti più di 3 Kg di gas fluorurati a effetto serra. Lo ha ricordato il Ministero dell’Ambiente in una nota rivolta ad imprese e privati cittadini che utilizzano questo tipo di macchinari. I dati necessari possono essere inviati a partire dal 1 marzo 2014.

Si tratta infatti di sostanze pericolose, composte principalmente di idrofluorocarburi, perfluorocarburi ed esafluoruro di zolfo. Vengono impiegate per vari scopi: come refrigeranti, come agenti espandenti per schiume, in sistemi anticendio, come propellenti per aerosol medici e tecnici e ancora per la produzione di semiconduttori di alluminio e magnesio. In misura minore, sono utilizzati anche nel settore dell’elettronica, nell’industria cosmetica e in quella farmaceutica.

Al fine di prevenire e massimizzare l’emissione di questo tipo di gas, nel 2006 il Parlamento europeo ha adottato un regolamento che obbliga gli Stati membri a limitare l’uso e l’immissione in commercio di apparecchiature specifiche contenti F-gas e ridurre le perdite degli stessi attraverso una loro corretta gestione. L’Italia, con un decreto presidenziale del 2012, ha dato attuazione alle disposizioni comunitarie, disciplinando l’obbligo di trasmissione delle informazioni su queste emissioni tramite una dichiarazione annuale.

La comunicazione deve essere effettuata dall’operatore dell’apparecchiatura o dell’impianto identificato come proprietario degli stessi a meno che non abbia delegato a una terza persona l’effettivo controllo sul loro funzionamento tecnico. Il documento deve essere compilato sulla base delle informazioni contenute nei Registri di impianto e trasmesso online attraverso al rete SINAnet dell’Ispra. È possibile chiedere chiarimenti sulla compilazione della “Dichiarazione F-gas” inviando una mail a dichiarazionefgas@isprambiente.it oppure a info.fgas@minambiente.it.

Sono previste sanzioni per chi non rispetta l’obbligo di comunicazione. In particolare, sono stabilite multe amministrative pecuniarie per un importo compreso tra i mille e i diecimila euro.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Ambiente Magazine seguici su Facebook e Twitter o iscriviti alla nostra newsletter.