Piscine, i pericoli del cloruro di cianogeno per la salute umana
Acque potabili

Piscine, i pericoli del cloruro di cianogeno per la salute umana

Piscine, i pericoli del cloruro di cianogeno per la salute umana

Sottoprodotto derivante da una reazione chimica con il cloro, il CNCl č una sostanza volatile e altamente tossica. L'importanza dell'igiene e della prevenzione

Alcune sostanze a contatto con il cloro, in genere utilizzato per la disinfezione delle piscine, possono generare reazioni chimiche da cui derivano sottoprodotti potenzialmente pericolosi come il cloruro di cianogeno e il tricloruro di azoto. Secondo una ricerca sino-americana condotta dall’Università di Pechino e dalla School of Civil Engeneering dell'Indiana, a firma di Lushi Lian, Jing Li ed Ernest Blatchley, tra queste ci sarebbe l’acido urico.

Basandosi su un campione di acqua di piscina e su esperimenti di clorurazione di acido urico e altri fluidi corporali, i ricercatori hanno scoperto che proprio l’ammoniaca contenuta nelle urine sarebbe responsabile della formazione di cloruro di cianogeno e tricloroammina.

Quest’ultima è un liquido oleoso e dall’odore pungente più instabile della nitroglicerina, quindi un potente esplosivo. Il cloruro di cianogeno è invece un composto chimico velenoso, perché soggetto a idrolisi in acqua in seguito alla quale viene rilasciato cianuro di idrogeno o acido cianidrico. Si tratta di una sostanza volatile a temperatura ambiente, dal tipico odore di mandorle amare ed estremamente tossica.

Considerato che l’introduzione di acido urico nell’acqua avviene solo tramite minzione, un atto volontario, la ricerca mette in risalto l’importanza da un lato di informare ed educare i bagnanti, dall’altro di curare l’igiene e controllare periodicamente lo stato di salute delle acque.

Esistono anche altri sottoprodotti della disinfezione delle piscine potenzialmente dannosi per la salute umana. Tra questi il cloroformio, un liquido trasparente abbastanza volatile e sospetto cancerogeno, pericoloso soprattutto nelle piscine al chiuso.

 

@fenicediboston

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Ambiente Magazine seguici su Facebook e Twitter o iscriviti alla nostra newsletter.