Amianto, in arrivo 8 milioni per le bonifiche dei SIN
Bonifiche

Amianto, in arrivo 8 milioni per le bonifiche dei SIN

Amianto, in arrivo 8 milioni per le bonifiche dei SIN

I finanziamenti del Ministero dell'Ambiente per quattro zone tra Casal Monferrato, Brescia, Crotone e Mantova. Galletti: "Restituire ai cittadini aree sicure"

Otto milioni di euro in totale stanziati dal Ministero dell'Ambiente per mettere in atto opere di bonifica dall'amianto in quattro siti di interesse nazionale (SIN). Lo ha annunciato il 9 settembre il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, dichiarando: "Sulle bonifiche si gioca una grande partita di credibilità verso i cittadini, per restituire loro aree sicure sotto il profilo ambientale e dunque senza rischi per la salute"

LE QUATTRO ZONE DI INTERVENTO 

I finanziamenti sono stati stanziati attraverso quattro decreti firmati dal Direttore generale per la tutela del Territorio e delle risorse idriche Maurizio Pernice. La spesa sarà a valere sulle risorse disponibili nell'esercizio finanziario 2014 e, nello specifico, sarà così ripartita:

- 3 milioni di euro sono destinati alla bonifica della zona di Casal Monferrato;

- 2 milioni di euro per la zona che si estende a sud della fabbrica Caffaro, a Brescia, chiusa a metà anni '80, dopo aver prodotto migliaia di tonnellate di policlorobifenili (Pcb);

- 1,8 milioni per il Sito di interesse nazionale "laghi di Mantova e Polo Chimico" che nel 2002 è stato riconosciuto e inserito nel Programma Nazionale di Bonifica con la legge n.179, a causa della quantità e pericolosità degli agenti inquinanti presenti nella zona, dai solventi organi-alogenati agli idrocarburi leggeri e pesanti, dai Mtbe (metil t butil etere, un composto utilizzato come additivo per la benzina) ai metalli pesanti

- 1,2 milioni alla regione Calabria per la bonifica del SIN di Crotone.  

SEMPLIFICAZIONE E VELOCIZZAZIONE 

Un investimento importante, quello per la bonifica dall’amianto delle quattro zone individuate, che sarà accompagnato da uno parallelo snellimento burocratico. "All'impegno economico fin dal primo giorno abbiamo affiancato, e continueremo a farlo, un lavoro di semplificazione e velocizzazione delle procedure nel rispetto dell'ambiente. Qui si gioca la partita della credibilità", ha spiegato il ministro Galletti.

LA MAPPA DEI SITI DA BONIFICARE 

Restano ancora numerose le zone che necessitano di opere di bonifica da amianto, circa 30.309, a fronte di 832 siti bonificati e 339 parzialmente bonificati, con le Marche capofila tra le regioni più interessate, seguite dall'Abruzzo.

Se vuoi ricevere gli aggiornamenti di Ambiente Magazine seguici su Facebook Twitter o iscriviti alla nostra newsletter.