• Foto n. 1
    nella foto:
    Foto n. 1
  • Foto n. 2
    nella foto:
    Foto n. 2
  • Foto n. 3
    nella foto:
    Foto n. 3
  • Foto n. 4
    nella foto:
    Foto n. 4
  • Foto n. 5
    nella foto:
    Foto n. 5
  • Foto n. 6
    nella foto:
    Foto n. 6
  • Foto n. 7
    nella foto:
    Foto n. 7
  • Foto n. 8
    nella foto:
    Foto n. 8
  • Foto n. 9
    nella foto:
    Foto n. 9
  • Foto n. 10
    nella foto:
    Foto n. 10
  • Foto n. 11
    nella foto:
    Foto n. 11
Emissioni in atmosfera

Inquinamento centrali termoelettriche: le analisi delle emissioni

Inquinamento centrali termoelettriche: le analisi delle emissioni

Ecco la photogallery delle ricerche condotte da Esia su un impianto a Capri lo scorso aprile per verificarne la qualitą e la quantitą delle polveri generate

Le centrali termoelettriche sono impianti che usano il vapore o il gas per la produzione di energia elettrica. Nello specifico, questa viene generata dalla combustione di oli combustibili e trasformata prima, attraverso un ciclo termico, in energia meccanica e poi, attraverso un alternatore, in energia elettrica.

Emettendo questo tipo di sostanze, è necessario condurre analisi specifiche e periodiche per la verifica della quantità e della qualità dei fumi così generati. Ne sono un esempio quelle condotte da Esia, laboratorio napoletano che si occupa di igiene industriale a trecentosessanta gradi, che lo scorso aprile ha monitorato l’attività di 15 camini di una centrale termoelettrica nell’isola di Capri.

Sono stati analizzati le polveri totali, gli ossidi di azoto, il monossido di carbonio e il monossido di zolfo, attraverso sia l’utilizzo di analizzatori automatici come l’Horiba, che attraverso la cosiddetta catena di misura (Flow test – terminale – termocoppie). Ecco di seguito la photogallery dei lavori.