Uno zaino e un'app contro l'inquinamento acustico e atmosferico
Inquinamento acustico

Uno zaino e un'app contro l'inquinamento acustico e atmosferico

Uno zaino e un'app contro l'inquinamento acustico e atmosferico

Le tecnologie del programma europeo EveryAware: a un anno dal lancio dell'applicazione anti-rumore parte il progetto per misurare lo smog con uno zaino

La cultura del rispetto per l'ambiente e del risparmio energetico si costruisce a partire dai cittadini. Per questo i ricercatori del progetto europeo EveryAware, a cui partecipa anche l'università La Sapienza di Roma, a settembre hanno cominciato a reclutare un gruppo di volontari per coinvolgerli nei test dello "zainetto misura smog": in pratica una borsa in grado di rilevare in movimento i livelli di CO2 presenti nell'aria. I globetrotter selezionati avranno il compito di girare la propria città, borsa in spalla, e raccogliere informazioni su temperatura dell'aria, umidità, concentrazione di sostanze tossiche.

Ma come funziona il SensorBOX? La tecnologia, sviluppata dalla Csp-Innovazione nelle Ict, è in grado di quantificare le concentrazioni di sostanze inquinanti presenti nell'aria: nello specifico anidride carbonica, monossido di carbonio, ossidi di azono e ozono. Grazie all'inserimento dei sensori in uno zaino, la rilevazione è ancora più ampia perché effettuata in movimento in diverse zone della città. I dati raccolti sono consultabili in tempo reale grazie e un'app per smartphone, che consente tra l'altro di visualizzare la mappa del percorso compiuto dal rilevatore (grazie al gps). Nel rispetto dei principi di efficienza e risparmio energetico, infine, il SensorBOX è alimentato a energia solare: lo zaino, in pratica, è dotato di piccoli pannelli fotovoltaici.

L'idea fa parte di un programma più ampio finanziato dall'Unione europea che, oltre all'ateneo italiano, coinvolge la Fondazione Isi, l'istituto belga "Vito", il centro tedesco "L3s" e l'University College of London. Partito nei primi mesi dei 2012, EveryAware project si propone di raccogliere dati empirici sullo stato di salute dell'ambiente attraverso l'impiego di tecnologie come smartphone, computer o sensori come quelli integrati nello zainetto misura-smog.

Il SensorBOX non è la prima tecnologia green nata nell'ambito di EveryAware. Circa un anno fa fu lanciata Wide Noise, un'applicazione gratuita per Apple e Android che permette di misurare il livello di rumore espresso in decibel in una certa zona. In Italia l'app è stata sperimentata nelle città di Roma e Torino, per le quali si sta ultimando la sistematizzazione dei dati raccolti.