Ambiente urbano: inquinamento atmosferico in calo nelle cittą
Emissioni in atmosfera

Ambiente urbano: inquinamento atmosferico in calo nelle cittą

Ambiente urbano: inquinamento atmosferico in calo nelle cittą

Secondo il rapporto Ispra sulla qualitą dei Comuni sono in diminuzione il verde pubblico e le emissioni di biossido di azoto. Al contrario, aumenta il rumore

Nelle città italiane la qualità dell'aria è migliore rispetto agli anni precedenti, al tempo stesso esse sono più rumorose e con meno verde pubblico.

È quanto emerso dal Rapporto sulla Qualità dell'Ambiente Urbano, realizzato dal Sistema Nazionale per la Protezione dell'Ambiente (ISPRA – ARPA/APPA).

 

INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Il report raccoglie i dati relativi a 85 aree urbane e si articola in nove macro temi: popolazione e demografia di impresa, suolo e territorio, natura, rifiuti, acque, qualità dell'aria, trasporti e mobilità, inquinamento acustico, azioni e strumenti per la sostenibilità locale e per il clima.

I risultati mostrano che nel 2014 c'è stato un moderato trend di riduzione del biossido di azoto rispetto agli anni precedenti. Tuttavia, alcuni standard normativi per la protezione della salute umana non sono ancora rispettati in un largo numero di aree urbane, numeri confermati anche nel primo semestre del 2015. Inoltre, i livelli di ozono continuano ad oscillare di anno in anno, soprattutto in conseguenza delle condizioni meteorologiche nella stagione estiva, restando nel 2014 e nel periodo estivo 2015, ben al di sopra della soglia. Al contrario, i limiti di legge di benzene, arsenico, cadmio e nichel sono rispettati in tutti i casi, come accade ormai da alcuni anni.

 

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

L'inquinamento atmosferico è un tema di rilevanza prioritaria in quanto rappresenta un importante fattore di rischio per la salute umana, i cui effetti sono documentati da numerosi studi clinici, tossicologici ed epidemiologici, oltre a determinare importanti effetti dannosi all'ecosistema e ai manufatti. L'utilizzo del Trasporto Pubblico Locale è un elemento particolarmente significativo per l'analisi della vivibilità delle nostre città con riferimento alla qualità dell'aria, ed è strettamente connesso con le elevate concentrazioni di sostanze inquinanti, che spesso costringono le Amministrazioni a misure finalizzate al contenimento delle emissioni.

 

VERDE PUBBLICO

Le componenti del verde urbano come parchi, giardini, aree agricole e altre infrastrutture green, sono fondamentali per la qualità dell'ambiente cittadino, prerogativa ampiamente riconosciuta dalla comunità scientifica e dalle istituzioni. Se il totale di verde pubblico sulla superficie incide in misura piuttosto scarsa nella maggior parte dei Comuni, la disponibilità per abitante risulta superiore ai 30 m2 /ab in quasi metà delle città analizzate (38 su 85). Valori maggiori per entrambi gli indicatori si riscontrano in presenza di aree naturali protette e superfici boscose, come a Matera, Trento, Potenza e Terni. I cali maggiori si registrano a Cagliari e Viterbo, mentre la città con la più alta percentuale di verde è Messina.

 

RUMORE

Anche il rumore rappresenta un importante fattore di disturbo nella vita cittadina. Dai dati disponibili, si rileva che nelle 85 città considerate nel Rapporto, nel 2014 sono state effettuate 1332 attività di controllo, contro le 1602 del 2013, evidenziando una flessione rispetto all'anno precedente (-17%). Nel 2014, nel 52% dei controlli effettuati è stato rilevato un superamento dei limiti normativi di inquinamento acustico, mentre nel 2013 sono stati riscontrati nel 49% dei controlli.