Linee guida per la classificazione dei rifiuti: l’SNPA punta a uniformare il sistema

Regolamenti europei, leggi nazionali e sentenze internazionali confondono e aprono a mille interpretazioni. La delibera n. 61 del 24 dicembre 2019 punta a chiarire le idee e a regolamentare il sistema di classificazione dei rifiuti.
Rifiuti pericolosi e sistemi di scarico

Il 24 dicembre 2019 il Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente (SNPA) fa trovare sotto all’albero dell’Ispra e del Ministero dell’Ambiente diverse delibere, tra cui la n. 61, intitolata “Linee guida per la classificazione dei rifiuti“. Entro i primi mesi del 2020, l’Ispra dovrà provvedere a approfondire “alcuni specifici flussi di rifiuti” e approvare provvedimenti integrativi per rendere operativo quanto indicato nelle linee guida.

Uniformare il sistema di classificazione

Questo documento mira a rendere uniforme il sistema di classificazione dei rifiuti. Come puntualizzato nella “Nota sintetica”, infatti, il processo di classificazione risulta particolarmente complesso e il susseguirsi delle normative ha aperto talvolta a più interpretazioni che, appunto, vanno nella direzione opposta a quella di una maggiore uniformità. “Negli ultimi anni – si osserva dunque nelle Linee guida – profonde modifiche […] hanno comportato difficoltà interpretative sia per gli organi di controllo che per gli operatori di settore”.

L’urgenza della delibera n. 61 si coglie proprio nei suoi riferimenti normativi, che – tra regolamenti europei, norme nazionali e sentenze – evidenziano la complessità della materia, la molteplicità dei soggetti intervenuti sull’argomento e, di conseguenza, la necessità di rendere omogenee regole e sistemi di classificazione.

Caratteristiche di pericolo ed esempi

Nelle Linee guida vengono indicati i criteri metodologici per la valutazione delle caratteristiche di pericolo di sostanze esplosive, comburenti, infiammabili, irritanti, tossiche, cancerogene, corrosive, infettive e altre ancora. Per tradurre nella pratica e semplificare, il documento illustra anche diversi esempi di classificazione dei rifiuti, dai RAEE a quelli contenenti amianto, passando per veicoli e materiali di costruzione.

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su twitter
Twitter

Tel. +39 081 7349128/525
Fax. +39 081 6023256

Via Galileo Ferraris, 146
80146 - Napoli, Italia

esia@esiasrl.it

© Copyright ESIA Srl. Tutti I Diritti Riservati
P.IVA 07340020630